Silvestri (M5S) ‘Divieto pubblicità gioco, stop dal 10 agosto 2019’. AGCOM, linee guida nella riunione del 18 aprile

‘Con il Decreto Dignità abbiamo sancito la fine della pubblicità all’azzardo come è stato per le sigarette. Ma perchè ancora vediamo spot su tv, radio e giornali?’ Il deputato dei Cinque Stelle Francesco Silvestri spiega le ragioni per cui, nostante il decreto Dignità abbia introdotto il divieto assoluto per la pubblicità al gioco d’azzardo, di fatto è ancora possibile vedere gli spot in TV. “Abbiamo dovuto rispettare i contratti in essere quindi il termine ultimo è quello del 10 agosto 2019. Da quel momento in poi non vedrete più pubblicità in nessun mezzo di comunicazione”.

Le norma

Con il decreto-legge n. 87 del 2018 (convertito nella legge 9 agosto 2018, n. 96) è stato infine introdotto un divieto assoluto per la pubblicità di giochi e scommesse, ivi incluse le sponsorizzazioni e le forme di pubblicità indiretta. In particolare l’art. 9 riguarda il divieto di qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro, indipendentemente dal mezzo utilizzato (radio, tv, stampa, internet etc: il testo parla di “canali informatici digitali e telematici, inclusi i social media”), comprese le manifestazioni sportive, culturali o artistiche. Per quanto riguarda le sponsorizzazioni di eventi, attività, manifestazioni, programmi, prodotti o servizi, il divieto entra in vigore dal 1° gennaio 2019. Per i contratti di pubblicità in corso di esecuzione alla data di entrata in vigore del decreto-legge resta applicabile fino alla scadenza, e comunque per non oltre un anno, la previgente normativa. L’AGCOM si è espressa nel gennaio 2019 in merito alle sponsorizzazioni dei brand di scommesse alle squadre di calcio – su parere richiesto dalla Lega di Serie A – chiarendo che la deroga di un anno dall’entrata in vigore della legge si applica anche a tale fattispecie.

Sono escluse dal divieto le lotterie nazionali a estrazione differita, le lotterie e tombole organizzate a livello locale per beneficenza e i loghi sul gioco sicuro e responsabile dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli. La legge n. 136 del 2018 (di conversione del decreto-legge n. 119 del 2018 Disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria) ha escluso dal divieto anche la cd. lotteria dei corrispettivi.

In caso di violazione della normativa è prevista una sanzione pari al 20% del valore della sponsorizzazione o della pubblicità, con un importo minimo di 50.000 euro per ciascuna violazione. L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) è l’organismo competente all’irrogazione delle sanzioni, che vanno a confluire nel Fondo per il contrasto al gioco d’azzardo patologico.

In questi giorni la stessa Authority sta avviando l’esame delle linee guida sulla pubblicità dei giochi di cui si è occupata la direzione Contenuti audiovisivi. Il documento contenente i chiarimenti è all’ordine del giorno della riunione che il Consiglio che si riunirà il 18 aprile prossimo.

Fonte: Jamma

Check Also

Gioco d’azzardo in Abruzzo. CNR, applicato il divieto ai minori soprattutto nei bar/tabacchi/ricevitorie (76%)

Nell’ambito del Piano Regionale sul Gioco d’Azzardo, la Regione Abruzzo ha affidato alla Sezione di …

Marche, il Consiglio Regionale approva modifica legge su gioco d’azzardo. Distanziometro entra il vigore il 31 dicembre 2021

Il Consiglio fa confusione con la votazione dell’articolo che avrebbe modificato l’entrata in vigore del …