Dl Fiscale: ritirato emendamento Lotti (Pd), ammissibile quello su payout awp al 65%, inammissibile quello su assegnazione al Friuli di parte gettito giochi

Nell’ambito dell’esame del Decreto fiscale nelle Commissioni della Camera è stato ritirato in VI Commissione l’emendamento Lotti (Pd) di seguito riportato:

“1. A decorrere dal 1 gennaio 2020, la misura del prelievo erariale unico sugli apparecchi di cui all’articolo 110, comma 6, lettera al e lettera b), del testo unico di pubblica sicurezza cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, è fissata, rispettivamente, nel 22 per cento e nel 9 per cento. Le aliquote previste dal presente articolo sostituiscono quelle previste dall’articolo 9, comma 6, del decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87 convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, come modificate dall’articolo 1, comma 1051, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 e dall’articolo 27, comma 2, del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26. Le aliquote vigenti rispettivamente del 21,6 per cento e del 7,9 per cento si applicano fino al 31 dicembre 2019.

2. Ai punti di vendita per le lotterie ad estrazione istantanea il compenso per la raccolta del gioco è fissato in misura pari al 6,9 per cento per l’anno 2020, pari al 6,9 per cento per l’anno 2021 e 6,9 per cento dall’anno 2022.

3. Il compenso dei ricevitori per la raccolta del gioco del lotto e del 10elotto è fissato in misura pari al 6,9 per cento per l’anno 2020, pari al 6,9 per cento per l’anno 2021 e 6,9 per cento dall’anno 2022″.

Sempre in VI Commissione è stato considerato ammissibile l’emendamento D’Attis (Fi) che propone di portare il pay out delle AWP al 65% delle somme giocate.

Infine inammissibile l’emendamento Savino, Novelli (Fi) che riportiamo di seguito:

“1. Al fine di compensare la perdita di gettito delle accise sui carburanti e della relativa IVA nella Regione Friuli-Venezia Giulia, derivante dalla sua condizione di regione di confine, all’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 875-quater aggiungere, in fine, il seguente periodo: « A decorrere dall’anno 2019 lo Stato riconosce alla Regione una quota di partecipazione del gettito erariale sui giochi e le scommesse maturato nell’ambito del territorio regionale nel limite di 15 milioni di euro in ragione d’anno. »;

b) dopo il comma 875-quater aggiungere il seguente: « 875-quater. 1. All’articolo 49, comma 1, lettera e), della legge costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1 sono soppresse le parole: ”delle entrate derivanti dai giochi” ».

2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano a decorrere dall’anno 2020. Al relativo onere si provvede, pari a 15 milioni di euro in ragione d’anno a decorrere dal medesimo anno, si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo di cui all’articolo 1, comma 255, della legge 30 dicembre 2018, n. 145”.

Check Also

Manovra, Palese (Agcai) in conferenza alla Camera: ‘Comparto slot tassato in modo inverosimile, multinazionali vogliono prendersi il nostro mercato’

Manovra, Palese (Agcai) in conferenza alla Camera: ‘Comparto slot tassato in modo inverosimile, multinazionali vogliono …

Valore Impresa Gaming si presenta: confronto con politica e settore per centralità gestore

– Adm, nuovo direttore generale, c’è ancora da attendere Illustrati a Roma i progetti di …